Chi mangia patate non muore mai…se son buone!

In collina, rispetto alla costa, ogni prodotto arriva con un pochino di ritardo, a luglio anche con quasi 40 gradi centigradi, infatti la raccolta delle patate non si dimentica in NISINATURA!

Annualmente ne produciamo circa 6000 kg ed è giusto dare risalto a questo nobile, ed allo stesso tempo umile, prodotto.

UN PO’ DI STORIA

IL tubero delle patate arrivò in Europa dal Sudamerica nel XVI secolo. Oggi nel nostro continente ci sono 6 milioni di ettari coltivati a patate, soprattutto in Belgio e Francia. Anche in Italia tradizionalmente siamo buoni produttori, basti pensare che tra la fine del 1800 e l’inizio del 1900 questo alimento di fatto sostituiva il pane e si mangiava a colazione…chiaro che erano altri tempi! Da ciò la patata si porta dietro l’etichetta di prodotto nobile per avere salvato i nostri avi dalla fame del periodo bellico, ed umile perché ha sfamato la stragrande maggioranza delle persone, essendo alla portata dei più.

VALORI NUTRIZIONALI

Oggi, con l’aumento della varietà di prodotti che ingeriamo, gli elementi nutritivi delle patate sono considerate tra i motivi del fenomeno dell’obesità e si pensa che sono ipercaloriche per i condimenti! In più le patate hanno la colpa, se così la si vuole chiamare, di essere capaci, più di altri cibi, di assorbire sapori, profumi e, quindi, grassi e “calorie” di tutto quello con cui sono cotte.

Secondo le tabelle dell’Istituto nazionale di ricerca per gli alimenti e la nutrizione (INRAN), in termini di macronutrienti 100 g di patate crude, in generale (a prescindere dalla qualità), contengono all’incirca:
Acqua: 78,5 g.
Proteine: 2,1 g.
Lipidi: 1 g.
Carboidrati disponibili: 17,9 g.
Amido: 15,9 g.
Zuccheri solubili: 0,4 g.
Fibre: 2,2 g.

In più le patate contengono:

fibre, zinco, vitamina C, vitamine del gruppo B, sodio e potassio e 100 grammi di patate hanno solo 85 kcal.

CONSERVAZIONE

Le patate devono essere tenute in un luogo fresco, asciutto e al riparo dalla luce. Infatti, una cattiva conservazione porta al deterioramento del vegetale, con lo sviluppo di sostanze nocive. Prima di procedere alla preparazione è, quindi, buona norma controllare l’aspetto delle patate per verificarne la bontà. In particolare, la buccia deve essere di colore uniforme.

Attenzione: le patate che cominciano a inverdirsi non devono essere mangiate!

La buccia verde è indice di un aumento della concentrazione di solanina e caconina, due glicoalcaloidi che si formano per reazioni di ossidazione provocate dall’esposizione alla luce e che, in alte quantità, risultano tossiche.

Nel caso siano presenti punti neri (“occhi”) o addirittura piccoli germogli, occorre rimuoverli fino in fondo, ma si possono mangiare!

Questo fenomeno può capitare con le patate di NISINATURA IN QUANTO NON SI USANO SOSTANZE ANTIGERMOGLIO!

COTTURA

Per ottenere un risultato ottimale, dopo tante accortezze preparatorie, si consiglia di cuocere le patate al vapore anziché bollirle perché la bollitura tende a far perdere una maggiore quantità di nutrienti, soprattutto minerali, vitamine ed antiossidanti, che invece è opportuno preservare e assumere.

In tutti i casi, qualunque metodo tu scelga per cuocere questi vegetali, è preferibile comunque non eliminare la buccia prima della cottura.

Fonti delle informazioni contenute in questo articolo 

Scegli le patate di NISINATURA, le varietà sono: “arinda”, “spunta” e “desiree”.

Proprio la desiree merita approfondimento, si tratta di una varietà che negli ultimi anni sta riscuotendo apprezzamenti superiori alle altre varietà.

Si tratta della patata rosa.

Essa è leggermente più dolce, più compatta, quindi regge meglio la cottura senza sfaldarsi, si presta di più alle lavorazioni di trasformazione o per essere cotta al forno.

In Italia le patate arrivano dalla Francia, dal Belgio e dall’Olanda.

Tu scegli di mangiare patate comprandole da chi produce .

Con Nisinatura le spediamo in tutta Italia, per le città di Messina e Catania le consegnamo direttamente.

Ti garantisco la genuinità dei prodotti, la sicurezza della loro provenienza dalla nostra azienda agricola o da altri produttori del tuo territorio.

Puoi comporre il tuo ordine con i prodotti che preferisci stabilendo tu le quantità!

Non si tratta di box pre confezionati con vari tipi di frutta ed ortaggi…

NO!

Sarai tu a decidere cosa mettere dentro il box di Nisinatura che, sia che tu sia di Messina e Catania o che tu sia di una città del Resto d’Italia, ti arriverà a casa entro 2 giorni.

Questo è un servizio…

Dall’orto alla tavola…

con NISINATURA

Entra adesso e fai il tuo ordine!!!

Per avere…

Il cibo buono…da chi produce!

 

Giuseppe Piccolo

NISINATURA Azienda Agricola

cropped-Nisinatura-logo-piccolo.jpg

 

 

Precedente Frutti tropicali e nuove tendenze