PESCA “NCUPPATA”…DIRETTAMENTE DAL CUORE DELLA SICILIA

pescaStoria dell’azienda

L’azienda nasce dal binomio “AGRI-TAVI”, per il profondo legame col territorio leonfortese, in provincia di Enna.

La Pesca “di Leonforte”, prodotto di nicchia, gioiello dell’agricoltura isolana, ha ottenuto il riconoscimento dall’Unione Europea del marchio I.G.P.

La famiglia Parano decise, nel 2006, di adottare un nome e un logo identificativo della propria produzione, appunto AGRITAVI,

corrispondente alla Baronia di Tavi, e l’omonimo castello, avamposto bizantino, poi saraceno e normanno. E’ sotto i ruderi che sorge oggi la sede principale.

Pesca di Leonforte

La Pesca di Leonforte IGP, denominata anche “Settembrina“, viene coltivata da AGRITAVI con una tradizione secolare fatta di incroci naturali tra varietà tardive e locali.

Le cultivar di maggior diffusione sono a pasta gialla, ma ne esistono anche a pasta bianca.

Sono pesche tardive perché maturano a settembre ed ottobre, quando cioè le altre varietà hanno già da tempo concluso la loro produzione.

I nostri amici di Agritavi sono stati ospiti della trasmissione Geo&Geo su raitre, per raccontare la storia di questo frutto speciale, che puoi trovare tra i prodotti selezionati per te da Nisinatura.

” Ncuppata” vuol dire biologica

La peculiarità che la contraddistingue  è la pratica dell’insacchettamento dei singoli frutti sull’albero, dalla seconda metà di giugno.
Questo per proteggere i frutti, ancora acerbi, da tutti i fattori esterni, siano essi le intemperie climatiche che l’attacco di insetti e parassiti.

Ancora a giugno si ha uno dei momenti topici della coltivazione, quando ogni singola, piccola pesca, viene “ncuppata“, ossia insacchettata.

Tale tecnica si effettua applicando poi un fil di ferro (per fissare il sacchetto stesso) con attenzione ed abilità per non danneggiare i frutti.

Questa operazione, ovviamente, viene svolta manualmente da esperte maestranze locali specializzate.

Il sacchetto preserverà la pesca fino alla completa maturazione. In tal modo viene escluso totalmente l’uso di qualsiasi prodotto chimico.

Un frutto senza difetti o imperfezioni esteriori, maturerà meglio e conserverà all’interno del “coppo” il suo incomparabile profumo ed aroma.

Quando è matura, ha la buccia gialla, striature rosse e polpa gialla. Presenta caratteristiche organolettiche esclusive nel profumo, sapore, dolcezza, colore e consistenza polposa.

Il gioco di squadra

L’azienda si fa promotrice nel 1992 di una Cooperativa di produttori, con cui commercializza il prodotto.

Essa, con l’adesione ai controlli IGP, commercializza con il coordinamento del “Consorzio di Tutela della Pesca di Leonforte”.

Segue un disciplinare che regola la coltivazione, raccolta, conferimento e confezionamento in appositi contenitori distintivi.

La Confettura 

Dal 2005, Leonforte trova un nuovo modo di esportare la bontà della propria pesca, evitando la deperibilità del prodotto fresco, estremamente delicato. 

Con un metodo semplice, che appartiene alla tradizione artigianale: la “Confettura extra di Pesche di Leonforte IGP”, fatta solo con frutta e zucchero.

Ok, sarà vostro fornitore

Accanto all’attività della peschicoltura, Agritavi  ha diversificato la produzione riscoprendo eccellenze della tradizione contadina locale.

In particolare la Fava Larga e la Lenticchia Nera di Leonforte, i ceci neri ed un impianto di bulbi di Zafferano.

Allora cosa aspetti, ordina le tue “pesche ncuppate” o la confettura da chi produce

Giuseppe Piccolo

Fondatore

NISINATURA

Precedente Chi mangia patate non muore mai...se son buone!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.