Ha vinto il giallo…quello delle NESPOLE

nespoleEcco le nespole!!!

Grande successo , tra i nostri clienti dei MERCATI di CAMPAGNA AMICA di Messina e Catania, per le NESPOLE della Cooperativa Valle dell’Oreto, di Palermo.

Non avevo alcun dubbio! Anche l’anno scorso NISINATURA aveva distribuito a Messina e Catania questo frutto di un’ Azienda, il cui volto più rappresentativo è quello di Letizia Marcenò, che grazie alle molteplici presenze nelle più importanti trasmissioni televisive nazionali, come esempio di imprenditoria giovane impegnata in agricoltura, è ormai famosa!

Il segreto del suo successo sta di sicuro nella bontà delle nespole, che grazie al contributo del signor Paolo, suo padre, sono distribuite in tutta Italia; ma la grande novità che ha reso celebre, tra gli addetti ai lavori,  questa azienda agricola è sicuramente la COLTIVAZIONE DI BANANE  a Palermo!!!

Ha vinto questa scommessa!

Non ti nascondo che il mio prossimo impegno è portare a casa tua queste banane. Esse rappresentano a mio avviso, un frutto buono e importante per la nostra alimentazione. Purtroppo siamo costretti ad acquistare quelle che arrivano da altri continenti!

Siamo riusciti con KIWI, AVOCADO e MANGO, coltivati anche dalla NISINATURA a Roccalumera (ME) e Fiumedinisi (ME).

Oltre a queste fornite anche da altre aziende siciliane, in particolare della provincia di Catania, non è più una novità che la Sicilia esprime produzioni di frutta esotica di altissima qualità.

Nei prossimi articoli illustrerò approfonditamente con delle fotografie e qualche video delle coltivazioni della NISINATURA…soprattutto adesso, che gli alberi sono in piena vegetazione e fioritura, ti garantisco proprio un bel vedere!

Gusta le NESPOLE e tanti altri prodotti, ENTRA SUBITO per ricevere la nostra telefonata o ordinare direttamente da www.nisinatura.com

A presto e ricorda di acquistare…

da chi produce!

Nisinatura ridisegnato alta risoluzione (2)

 

Giuseppe Piccolo

NISINATURA Azienda Agricola

Precedente A chi diceva … non vale un fico secco! Successivo La pasta del “granaio d’Italia”!