LA MAGIA DELLA NATURA CHE MIGLIORA LA TUA VITA

Quando senti parlare di prodotti tipici o di prodotti di eccellenza in generale, il riferimento alla Sicilia trova facile accostamento.

Infatti la nostra regione vanta nel panorama delle tipicità molti prodotti, sia freschi che trasformati,

che superano di molto altre produzioni sia per riconoscibilità che per preferenze dei consumatori di tutto il mondo.

Non è una novità che proprio la parola “Sicilia” sia conosciuta oltre che per le note vicende di criminalità organizzata, anche e soprattutto, per fortuna, dal cibo e dalla capacità degli artigiani del cibo.

Sarai sicuramente d’accordo nell’affermare che produzioni della categoria dei dolci come pistacchio, mandorla, cannoli e limoncello siano termini che si conoscono nel mondo e si associano alla Sicilia ormai in modo automatico.

Proprio a proposito del limoncello facciamo alcune considerazioni:

Conosciuto tra i prodotti tipici italiani e anche siciliani più popolari.

La categoria nella quale lo si fa rientrare più comunemente è quella dei rosoli.

Quali differenze tra liquore e rosolio?

A questo punto è necessario fare una precisazione. I rosoli nascono dalla produzione di liquori da macerazione di petali di rose, ed è da questa pratica che prendono il nome “rosolio”.

Successivamente si sono fatte le produzioni con bucce di agrumi e con spezie ed erbe di altro genere, sono questi definiti “liquori” anche se oggi, in maniera indistinta, si dicono rosoli e liquori entrambe le categorie di prodotti.

In ogni caso tra i liquori ottenuti con macerazione di agrumi, il più famoso è sicuramente il limoncello siciliano e soprattutto campano.

Invece la tradizione dei rosoli veri e propri, benché pare sia nata in Toscana, ha come indiscussa protagonista la Sicilia e i suoi artigiani produttori.

Spesso utilizziamo, raccontando il cibo, il termine “magia” perché tutto ciò che la natura ci offre, se ben ci pensi, ha un qualcosa di magico quasi di complicata spiegazione se consideri che viviamo in un epoca in cui anche il cibo stesso è stato standardizzato come se fosse stato creato in fabbrica o in un laboratorio.

Se nello specifico descrivo la produzione dei liquori quel senso di magia raggiunge il massimo del livello!!!

La magia del cibo…la magia del bere

Un’azienda come la NISINATURA, specializzata in produzione di agrumi, non poteva certo non creare una sua linea di liquori artigianali.

Così oggi tra i prodotti che offre ci sono anche il limoncello, il liquore al finocchio selvatico, all’arancia. Tutti realizzati in un laboratorio di liquori a Roccalumera (ME), a pochissimi kilometri da Fiumedinisi (ME) dove c’è la parte più consistente dei terreni dell’azienda.

In modo le materie prime, che siano esse agrumi o finocchietto selvatico, arrivano in laboratorio in pochissimi minuti per essere lavorate e dare vita quindi alla nostra grande MAGIA!!!

Il processo di produzione dei liquori è molto particolare, se si vuole raggiungere un buon livello qualitativo dei prodotti è necessario prestare attenzione a tutte le sue fasi. 

Come già sottolineato la naturalezza e freschezza delle materie prime rappresenta il primo imprescindibile dettaglio che garantisce qualità del risultato finale.

Le bucce degli agrumi o il finocchietto selvatico si lasciano a macerare in alcool per il giusto tempo e con l’aggiunta di uno sciroppo composto da acqua e zucchero, si ottengono i liquori.

Se hai voglia sono ormai famose le ricette che ti permettono anche a casa di fare il tuo liquore.

Stai sempre attento però a ottenere il grado alcolico giusto, diversamente l’esperimento potrebbe anche non riuscire.

Oltre alla misurazione dell’alcool è necessaria la conoscenza dello stato di maturazione delle materie prime perchè anche da questo dipende ovviamente il gusto finale del prodotto.

Ferma restando la raccomandazione a bere sempre con moderazione, considero che fermarsi un attimo per sorseggiare un bicchierino di liquore naturale faccia bene allo spirito di ognuno di noi.

Questi liquori possono essere anche serviti come fine pasto e hanno anche una funzione digestiva. Un’altra forma di consumo può essere appunto per trascorrere un momento di meditazione per ricaricarsi dallo stress e dalla fatica di tutti i giorni.

Oggi più di ieri, i liquori si stanno rivalutando nel campo della miscelazione, nella preparazione, cioè, di cocktails che contengono proprio di base il liquore, anche questo ti fa trascorrere dei momenti belli e rilassanti con la compagnia preferita.

Pensa che come il concetto di mangiare bene, oggi si rivaluta tanto anche quello del “bere bene”. 

Quindi bere con moderazione e di qualità!

Queste sono le coccole che ognuno di noi può farsi, senza avere paura del cibo o dei prodotti alcolici…non c’è nulla che fa male.

Il giusto senso dell’equilibrio

Importante è fare tutto con le giuste quantità, ritrovare quel senso di equilibrio che, se leggi il blog che stai leggendo, già dovresti avere nei confronti del mangiare bene e del bere bene.

Si tratta di una scelta che apparentemente non cambia la condizione che vediamo, invece se fatta da una molteplicità di consumatori renderebbe il mondo in cui viviamo più bello…insomma come quando vivi una vera e propria MAGIA DELLA NATURA CHE MIGLIORA LA TUA VITA!!!

acquista sempre…

il cibo buono…da chi produce!

 

Giuseppe Piccolo

NISINATURA AZIENDA AGRICOLA